Esci

Le birre Weiss o birre Weizen

Preferiti
Condividi
alt

Birre weiss o birre weizen?
Due modi per chiamare la stessa birra di frumento tipica della Baviera.



SCHEDA PRODOTTO


Weiss e weizen sono due termini tedeschi che significano rispettivamente “bianco” e “frumento”. Entrambi vengono utilizzati per identificare le birre di frumento tipiche della Baviera, chiamate appunto weissbier (“weiss birra” o birra bianca), e weizenbier (“weizen birra” o birra di frumento).

Si tratta di birre ad alta fermentazione dove viene utilizzato, oltre al malto d’orzo, anche il frumento maltato.

Le caratteristiche aromatiche

Le birre weiss sono caratterizzate da sentori che ricordano la banana, a volte anche gli agrumi e i chiodi di garofano. Questi aromi sono dovuto principalmente alla fermentazione di particolari ceppi di lievito, utilizzati per la produzione di queste birre. 

Le birre weizen sono poi meno amare di altre birre, perché hanno un basso quantitativo di luppolo

I tipi di birre weizen

Le birre weiss o birre weizen sono spesso non filtrate assumendo generalmente un aspetto opalescente e quasi torbido. In questo caso vengono denominate hefeweizen, diversamente a quelle filtrate, chiamate kristallweizen.

Si possono poi fare altre distinzione tra le tipologie di birre weizen, individuando ad esempio le dunkelweizen, prodotte con malti scuri, e le weizenbock, ad alta gradazione alcolica. 

La birra weizen e weiss non va confusa con la bière blanche (o witbier), la birra di frumento belga. Nella produzione delle bières blanches il frumento viene utilizzato crudo e in percentuali molto minori rispetto alla birra weizen. La birra di frumento belga inoltre è una birra speziata, dove vengono aggiunti componenti come coriandolo o scorza di arancia amara per dare aroma, al contrario delle birre di frumento della Baviera, in cui la componente aromatica è data dalla sola azione dei lieviti.

Qualche curiosità sulle birre weiss 

Una curiosità riguardante la birra di frumento è che per molto tempo la loro produzione è stata appannaggio dei monasteri e delle case nobiliari. L’Editto della purezza del 1516 stabiliva infatti che gli unici ingredienti consentiti per la produzione della birra erano l’acqua, l’orzo e il luppolo. 

L’utilizzo del frumento nella birrificazione fu ammesso per la prima volta alla fine del 1500, esclusivamente ai duchi di Baviera. Ai cittadini comuni fu acconsentito lo stesso diritto solo due secoli più tardi.


Le weizen hanno un profumo intenso e al naso si individuano subito le note fruttate e speziate.

In bocca i sapori sono molto equilibrati: ad una prima sensazione dolce e morbida seguono le note più fresche.

Data la loro corposità, le birre di frumento weiss e weizen si sposano bene a piatti corposi, con abbinamenti fatti secondo una concordanza di sapori. 

Si abbinano molto bene alle carni di maiale e a quelle cotte a lungo, come i bolliti, ai formaggi a pasta molle, come il brie o il camembert. Un piatto tradizionale con cui sicuramente potrete abbinare queste birre sono i canederli. Inoltre si abbinano molto bene anche al pesce, in particolare al salmone

Se siete amanti del classico abbinamento pizza-birra, dovete assolutamente provare la birra weizen con la Pizza con tonno rosso e cipolla caramellata.


Il servizio è importantissimo per tutte le birre, ma per le weizen birre è forse ancor più importante. 

Le birre weiss sono birre con livello di amaro molto basso e che durante la mescita non devono correre il rischio di perdere la loro freschezza, fondamentale per bilanciare la dolcezza del frumento. 
È molto importante quindi che la temperatura di servizio sia mantenuta sufficientemente bassa (8-10°C) e che la componente gassata non venga dispersa nel bicchiere al momento della mescita. 

Insieme a temperatura e gassatura, ciò che permette di mantenere la freschezza e la piacevolezza della birra è l’utilizzo del giusto bicchiere: un weizenglas alto e stretto.



Territorio

Punti di interesse

Scopri di più
Punti di interesse
Scopri le ricette da abbinare
Finger Food

Frittelle di cavolfiore

Frittelle salate di cavolfiore, un delizioso finger food da leccarsi le dita che è anche una ricetta di recupero, perché le frittelle si possono preparare con tutte le verdure, anc...

50 min
4 pers
Bassa
Chef Stefano De Gregorio
Chef Stefano De Gregorio
Piatti Unici

Panzerotti pugliesi fritti

Insieme alla pizza, i panzerotti pugliesi sono un comfort food che ogni tanto ci si deve concedere.  ChefDeg ci insegna come preparare i panzerotti pugliesi senza modificare l...

155 min
6 pers
Bassa
Chef Stefano De Gregorio
Chef Stefano De Gregorio
Piatti Unici

Pizza con stracciatella, alici e puntarelle

Ecco una ricetta per cucinare la pizza dal condimento fresco e saporito con filetti di alici di Sicilia, puntarelle alla romana delicate e stracciatella. Da preparare insieme allo ...

20 min
1 pers
Bassa
Piatti Unici

Come fare la pizza col forno di casa

Per cuocere la pizza nel forno di casa o, in generale, cuocere la pizza nel forno elettrico, bisogna conoscere qualche trucchetto in più del normale. Che vogliate farcirla con il p...

41 min
4 pers
Media
Chef Stefano De Gregorio
Chef Stefano De Gregorio

Leggi anche...

Contenuti preferiti